Il riscatto del piacere, la ricetta del paté di tonno al burro e peperone sotto raspa

A lungo demonizzato, questo derivato grasso del latte è stato riscoperto dagli chef, soprattutto in pasticceria. E intanto, grazie a TikTok, spopola il “butter board”, l’aperitivo con frutta e salumi su un tagliere spalmato

Suggerite per te

Carlo Ottaviano
Carlo Ottaviano
“Fare il giornalista è sempre meglio che lavorare”, diceva Luigi Barzini Jr. Farlo scrivendo di cibo è ancora meglio, aggiungo io dopo 45 anni di lavoro (duro e serio) in tv, quotidiani, mensili e qualche libro pubblicato. Per il Messaggero scrivo anche di economia e attualità.

I piatti

Vade retro burro. Anzi: ben tornato burro. Dopo averlo eccessivamente criminalizzato e aver santificato (comunque giustamente) l’olio d’oliva e di altri vegetali, il derivato grasso del latte torna prepotentemente in cucina. «È tempo – afferma il dietologo Giorgio Calabrese, docente di scienze dell’alimentazione – di rivalutare il burro che è un alimento ricco, con pregi non trascurabili ma che richiede un controllo attento dell’uso e del consumo, per poterne cogliere tutti i benefici». Il sociologo Enrico Finzi parla di «revanche del burro, che deriva dalle caratteristiche organolettiche spesso connesse al piacere (di mangiare e – più in generale – di vivere) e al contributo che dà alla preparazione di cibi e ricette».

«Da pochi anni – aggiunge – il burro si è moltiplicato, tanto che si può parlare di progressivo passaggio dal burro ai burri». La tendenza del momento è l’uso del più saporito burro di bufala campana. «Nella nuova leggera Cucina Italiana – racconta Davide Oldani, due stelle Michelin – è frequente l’utilizzo del burro, magari miscelato con acqua, montato e trasformato per dargli leggerezza ed esaltarne il sapore».

La tendenza

Sui social il trend topic alimentare del momento è il “butter board”. Rimbalzato da un continente all’altro grazie a TikTok, è il classico tagliere in legno, però spalmato di burro e ricoperto di ogni bendidìo: frutta fresca o secca, salumi, spezie, formaggi (sì: caci su quasi-cacio), fiori eduli. Insomma il “butter board” accompagnato da un buon flute di bollicine è l’aperitivo-novità. «Essendo un grasso e quindi un veicolo di sapori amplifica ogni sapore, ne esalta le caratteristiche. A partire da quello del pane. Sono ideali, quindi, quelli di gusto deciso, con farina integrale e da grani particolari, con un buon lievito madre», spiega lo stellato Fabio Ingallinera (che firma la ricetta di oggi).

Il suo ristorante è appena entrato nell’olimpo della “We’re Smart Awards”, la guida dei migliori ristoranti vegetariani al mondo. «Ma una cucina totalmente vegetale o vegana non sarebbe sostenibile – spiega assieme a Christian e Andrea Macario, titolari del Nazionale – perché questo non permetterebbe al nostro territorio di sopravvivere. Le nostre valli vivono di allevamenti animali. Quello che facciamo è quindi sviluppare una cucina in cui la proteina è minoritaria ma di altissima qualità».

Italia e Francia

Ingallinera si rifornisce al rifugio Palanfrè nel Parco delle Alpi Marittime, non lontano dal confine con la Francia, patria – secondo molti chef e maître pâtissier – del miglior burro al mondo. Iginio Massari, il re dei pasticceri italiani, arriva a sostenere che «in Italia, lo fanno quando non sanno più cos’altro fare con il latte rimasto. Prima di tutto fanno i formaggi, poi gli yogurt e solo alla fine pensano al burro».

La differenza è nel metodo di produzione. In Italia il burro è un sottoprodotto della produzione di formaggio, ottenuto separando (in centrifuga o per affioramento) la crema di latte o la panna dal siero. In Francia è prodotto direttamente dal latte ad una temperatura che mantiene le migliori proprietà organolettiche e un gusto intenso. «Anche in Italia – ammette però Massari – c’è in verità dell’ottimo burro, ma non per i quantitativi che usiamo in pasticceria».

La ricetta del paté di tonno al burro e peperone sotto raspa dello Chef Fabio Ingallinera , 1 stella Michelin, ristorante Nazionale – Vernante (Cuneo)

Ingredienti

Preparazione

Step 1

Per i peperoni sotto raspa: cuocere i peperoni a 230° per 12 minuti. Raffreddarli e togliere la pelle. Condirli con olio extravergine d’oliva e aglio.

Step 2

Per il paté di tonno: setacciare tonno e burro, montare il composto con una frusta e aggiustare di sale.

Step 3

Per la gelatina: far bollire il succo di peperone con l’agar, colarlo su una placca e copparlo.

Step 4

Assemblare con il peperone alla base, paté di tonno, capperi e acciughe. Finire con la gelatina.

Step 5

Decorare con cerfoglio e violette.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
- Adv -
- Adv -

Ultime ricette

- Adv -

Scopri anche