Tentazioni di mare: la ricetta del gravlax norvegese

Dai crudi alla griglia, tutti i luoghi da scoprire per lasciarsi sedurre dal fresco sapore del pesce

    Suggerite per te

    - Adv -

    La bilancia denuncia gli eccessi a tavola… e tuttavia non si vuole rinunciare alla tavola? Non mancano le buone soluzioni. I filoni da poter seguire sono almeno tre: i locali di pesce, le verdure oppure la tradizione orientale. In questo caso regala grandi soddisfazioni la cucina fusion di Le Asiatique, che si trova in piazza Fontanella Borghese, non meno del vicinissimo Zuma (straordinario qui il merluzzo nero).

    Se non vi fate tentare dai cocktail meravigliosi del titolare, da Seiperdue, curato localino a trazione crudista, sarete felici col raffinato gravlaks di ricciola. Così come l’irresistibile seduzione del pesce azzurro trova il suo apice nelle insuperabili alici grigliate di Arturo e Mary che gestiscono il Meglio Fresco, o nei “tappi” del geniale Giulio Terrinoni, piatti trasformati in deliziose mini-porzioni, stile tapas.

    Storditi dalla grande bellezza del panorama che si contempla sul tetto della Terrazza Borromini godrete ottimi crudi e tartare. Il palato trova preparazioni eleganti e leggere al Jardin dell’Hotel de Russie, dove dalla griglia di sale rosa dell’Himalaya escono sapori netti e golosi.

    La ricetta del gravlax norvegese di Arturo Scarci e Mary – Meglio Fresco – Roma

    Arturo Scarci, con la moglie Mary al timone di Meglio Fresco, ha progetti precisi. «Per questa ricetta, consiglio il classico gravlax norvegese. La preparazione è laboriosa, ma semplice».

    salmone, pesce surgelato, ghiaccio

    Preparazione

    Step 1

    Affilettare bene il salmone e poi provvedere a massaggiarlo bene con sale, pepe, zucchero e aneto (abbondante).

    Step 2

    Fasciate il tutto con una pellicola antiaderente, curando di lasciarla parzialmente aperta e deponete su un contenitore largo tenuto leggermente inclinato.

    Step 3

    Il tutto va in frigo e va coperto con dei pesi.

    Step 4

    Lo dovete lasciare almeno due giorni girandolo due volte al giorno ed eliminando la marinatura colata fuori.

    Step 5

    Una volta pronto è ancora più buono servito con pane nero e una salsa di senape, aceto di frutta e tuorlo d’uovo

    Step 6

    Vino consigliato: uno spumante rosé dell’Oltrepo pavese.

    - Adv -
    - Adv -

    Ultime ricette

    Scopri anche

    - Adv -