Tra murales e simboli di Napoli apre in Germania la pizzeria «Quartieri Spagnoli Official»

Suggerite per te

Un pezzo di Napoli a Mannheim, vicino Francoforte. In Germania “riprodotti” i Quartieri spagnoli, con tanto di murales, indicazioni dei posti più noti e claim d’effetto. Tra le riproduzioni sulle pareti di Totò, Maradona, San Gennaro e Bud Spencer, senza dimenticare Pino Daniele per fare qualche esempio. Ma le vere protagoniste sono loro: le pizze fumanti. Simbolo della Napoli bella e verace che fa della sua cultura enogastronomica uno dei suoi biglietti da visita vincenti.

Quartieri Spagnoli Napoli Official”

È stata inaugurata a Mannheim la prima pizzeria europea dal nome “Quartieri Spagnoli Napoli Official”, come il marchio registrato da Salvatore Visone. Con le tshirt, i vini e tanto altro sta facendo conoscere sempre più la caratteristica e frequentatissima zona di Napoli. Numerosi gli influencer e i personaggi del mondo dello spettacolo che con le tshirt ricevute in dono fanno girare in diversi contesti il nome dei Quartieri.

Salvatore Visone, hair stylist con un negozio proprio nei Quartieri spagnoli, attraverso i social ha fatto innamorare del suo marchio registrato l’imprenditore Angelo Agozzino, italiano che da tempo vive in Germania. Prima ha provato il vino e poi pian piano l’idea di aprire una pizzeria e “brandizzarla” replicando non solo il logo su piatti, attrezzature e insegne ma anche l’identità dei Quartieri attraverso murales e scritte.

«Con piacere ho appoggiato questa idea» spiega Sasi Visone, che ha partecipato personalmente all’inaugurazione in Germania. Insieme a lui anche la campionessa mondiale e maestra pizzaiola, Teresa Iorio. E poi l’amico di sempre Genny Ombra che ha una trattoria ai Quartieri e con cui sta portando avanti le iniziative di Quartieri Spagnoli Official. «Spero che altri italiani all’estero nelle loro città seguano quanto fatto a Mannheim. Per dare vita ad un progetto di franchising che possa raccontare il nostro quartiere senza retorica».

Da Napoli a Monaco, la storia di Alessandro: «Con la mia pizza unisco tradizione e innovazione»

- Adv -
- Adv -

Ultime ricette

- Adv -

Scopri anche