Gli anni dorati della pizza, la ricetta della pizza fritta napoletana

Grazie alle friggitrici moderne e a un uso accorto dei diversi grassi, il fritto rinasce a nuova vita, e con lui il più popolare dei piatti di strada. Dalla versione conica a quella dolce, così gli chef rielaborano un grande classico

    Suggerite per te

    - Adv -
    Carlo Ottaviano
    Carlo Ottaviano
    “Fare il giornalista è sempre meglio che lavorare”, diceva Luigi Barzini Jr. Farlo scrivendo di cibo è ancora meglio, aggiungo io dopo 45 anni di lavoro (duro e serio) in tv, quotidiani, mensili e qualche libro pubblicato. Per il Messaggero scrivo anche di economia e attualità.
    impasto, pizza, pizzaiolo

    La tradizione

    Dimenticate i pentoloni di olio scuro e sporco, il cibo unto e bisunto, gli abiti impregnati di cattivo odore. Il tanto demonizzato olio fritto è rinato a nuova vita, grazie all’uso accorto delle diverse varietà di grassi e alle friggitrici moderne. e con lui il più popolare dei piatti di strada: la pizza fritta.

    Il fritto, insomma, non è più il nemico numero uno dei nutrizionisti. «Il vento è cambiato – spiega Luciano Pignataro, giornalista e storico della cucina napoletana – perché una frittura ben eseguita non ha mai fatto male a nessuno». «Il grasso in cui si frigge – aggiunge – deve avere un punto di fumo alto. Parliamo della temperatura in cui un grasso inizia riscaldandosi
    eccessivamente a decomporsi, cambiando la propria struttura molecolare e creando l’acroleina, una tossina dannosa per il fegato e cancerogena. Più alto è il punto di fumo, migliore sarà la frittura».

    Tradizionalmente i napoletani friggevano con la sugna di origine animale. Oggi si preferiscono grassi di origine vegetale, come l’olio extravergine di oliva e l’olio di semi di arachidi. Tra i fritti più buoni, è tornato prepotentemente di moda il più popolare dei piatti di strada. Quella pizza che una procace Sofia Loren frigge nel pentolone ricolmo di olio in una delle scene più iconiche de L’oro di Napoli.

    La forma della pizza fritta

    «Sul finire della guerra – racconta Albert Sapere, che ogni anno stila l’elenco di 50 Top World Pizza – erano stati bombardati molti forni a legna. Così nei rioni ci si organizzò cuocendo la pizza nei pentoloni ricolmi di olio bollente, oppure nel padellino». Oggi
    molte pizzerie allargano i propri menù non limitandosi alle tonde e ai calzoni al forno e non frenando la fantasia per le farciture.

    A Roma, la pizzeria Berberè ha un menù dedicato alla pizza fritta con svariati condimenti e Stefano Callegari da Sbanco ci mette sopra il pollo alla cacciatora o il sugo della coda alla vaccinara. A rigor di tradizione, la classica pizza fritta napoletana per essere definita “completa” deve avere i ciccioli di maiale, provola, pomodoro e ricotta. Varianti sono senza pomodoro e col salame invece dei ciccioli. Franco Pepe, il famosissimo pizzaiolo di Caiazzo, in Campania, ha innovato anche la forma, facendola a forma di cono. «Nel voler dare una veste nuova – racconta – siamo partiti studiando il modo di utilizzare la materia prima sul disco di pasta fritto. Per esempio, usando pomodoro ramato a fette. Al centro di ciascuna fetta metto peperoncino, aglio in polvere, acciuga di Cetara, prezzemolo e zeste di limone».

    A casa

    Il cono fritto di Pepe diventa una rosa nel caso della pizza alla mortadella (con ricotta di bufala, polvere di pistacchio e scorza di limone). Pepe ha sdoganato perfino la versione dolce, per fine pasto, con la Crisommola, farcita con sfoglia fredda di fiordilatte aromatizzata all’arancia, cioccolato fondente fuso, foglia di menta, fior di sale, scorza d’arancia e Cerasella (la ciliegia sotto spirito). Da accompagnare con bollicine di qualità, in barba alla popolarissima origine della pizza fritta.

    A casa poche le regole da rispettare: la prima lievitazione dura circa un’ora. Quindi vanno formate le palline da 50 grammi ciascuna da far lievitare per altre 8-10 ore. Quando si stendono, mai spolverarle di farina per evitare di sporcare l’olio. Farcita la pasta, i bordi vanno “ammaccati”. L’olio deve essere intorno a 180-200 gradi e la parte che emerge della pizza va sempre tenuta bagnata.

    La ricetta della pizza fritta napoletana di Gino Sorbillo a “La prova del cuoco”

    Preparazione

    Step 1

    Sciogliete il lievito nell’acqua tiepida, incorporate la farina e impastate, aggiungendo infine anche il sale.

    Step 2

    Il composto va diviso in palline, poi da coprire e fare lievitare per 8-9 ore a temperatura ambiente.

    Step 3

    Quindi, ungete le palline d’olio e stendetele allo spessore di circa 1/2 cm. Piccoli taglietti nella pasta evitano che in cottura gonfino.

    Step 4

    Friggere in abbondante olio ben caldo e sgocciolate su fogli di carta
    assorbente.

    Step 5

    Copritele con la passata di pomodoro scaldata, ricotta di pecora setacciata, mozzarella di bufala a pezzetti, pepe e basilico.

    - Adv -

    Salsiccia e patate al forno, un grande classico insuperabile!

    Video
    - Adv -

    Ultime ricette

    Scopri anche

    - Adv -